Ristò

Sabato 20 Agosto 2011

Al Ristò siamo stati davvero tante volte, oggi però mi sento di raccontarlo perché è stata una giornata particolare.

Siamo tornati ieri dalla montagna, la bu ha fatto degli esami del sangue stamattina quindi siamo tornati per forza. Durante il viaggio di ritorno abbiamo puntato verso Rozzano, all’Humanitas, per ritirare un esame del bu. Beh, notizia cattiva.. cheratocono di 2 stadio. E ora? Prendersela con tutti gli oculisti visti da un anno a questa parte non serve a nulla, dobbiamo andare avanti e scoprire se c’è rimedio.. Per distrarsi i bu decidono di fare la spesa all’Iper, tanto sono lì vicino.. E alla cassa gli viene consegnato un buono sconto per il Ristò. Così stamattina il bu prenota al cinema un film 3D (lanterne verdi) che evito di commentare, però si sono distratti e divertiti. Escono verso le 20 e vanno al Ristò, per utilizzare il buono del 25% sulla cena! Prendono una tagliata di carne, una mozzarella di bufala, una focaccina e delle patate al forno. Peccato che sulla tagliata il buono sconto non serva.. non lo sapevano! Ma non fa nulla, hanno speso in tutto credo 17 euro, quindi va bene. Si siedono, dividono il tutto e mangiano! La giornata è stata bella, un po’ triste a causa del problema del bu ma almeno è sertiva per svagarsi un po’….

Pubblicato in ristoranti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Ristò

Agriturismo Bertola

Venerdì 19 Agosto 2011

I bu devono rientrare dalla montagna perché la micky deve fare domani un esame del sangue.. quindi con un po’ di tristezza nel cuore per dover abbandonare forzatamente i monti partono per Pavia, dove sicuramente li attenderà un caldo spaziale. Su firefox (dove logicamente essendo io metereologa di gran livello) ho visto per la prima volta in 7 anni di vita un simbolo mai visto né immaginato: un termometro bollente! Comunque, torniamo al rientro. Essi (gh) decidono di viaggiare verso l’ora di pranzo, quindi percorrono la Franciacorta in cerca di un ristorante/osteria per godersi il cibo ancora una volta, visto che a casa sono perennemente a dieta! E fanno stare a dieta anche la povera ranocchia.. Cerca e ricerca finiscono addirittura nella tenuta del sig. Berlucchi, dove ahimé non si mangia! Quindi ritornano sulla strada normale, verso Rovato e.. ecco spuntare sulla sinistra di una rotonda uno splendido agriturismo! Logica fermata, sosta e pranzo.

Sulla porta c’è una lavagnetta antica con le scritte in gesso tutte storte. Dice

menù turistico € 25,00: antipasto / primo / secondo / dessert / acqua / vino / caffé

Ok, accettato. Un po’ caro ma pace, abbiamo tutti fame. Ci sediamo in veranda, un venticello caldo ma piacevole avvolge entrambi i bu che cominciano ad assaggiare qualche antipasto a buffet. Non molto perché essi (ri-gh) non mangiano aceto e sono tagliati fuori per alcuni tipi di entrée. Proseguono ordinando una lasagnetta al forno (nel riso con gamberi “logicamente” ci sono i sottaceti) e una tagliata al pepe verde. Sì, tagliata, non filetto. Arriva mezzo bue tagliato nel piatto, cottura un po’ troppo avanti ma devo dire un ottimo piatto. Puccetta al pepe verde che racchiude il tutto e un po’ di pane per aiutarsi a tirar sù il rimanente! Non si può non prendere il dolce (dice la micky): scusa ma è compreso! Vuoi pagarlo e non mangiarlo? Nel calice di vino rosso rimane anche una lacrima da terminare, quindi la si accompagna ad un tiramisù (chissà chi dei due lo ordina) e un semifreddo al cioccolato e cocco. Caffé e via alla cassa. Non si sa perché (davvero non si sa) ma il conto è di 30 euro. Boh? Paghiamo e andiamo, magari si è sbagliata! Di sicuro la prossima volta che andremo a Cané ci fermeremo all’andata, giusto per scoprire se ha sbagliato o se il menù indicato fuori è una bufala!

www.agriturismobertola.it

Pubblicato in ristoranti | Contrassegnato , , , | Commenti disabilitati su Agriturismo Bertola

Sagra dei Calsù

18 Agosto 2011 – Vione                                6^ Sagra dei Calsù

Da un anno attendiamo questa sagra, vista ad agosto scorso per la prima volta.. Quest anno siamo anche esperti e prenotiamo al primo ingresso, ore 19.00 a Vione! Avrebbero dovuto venire anche due amici, il Fra e il Marco, però causa contrattempo di ieri (non ci credo ma pazienza) rinunciano all’evento. Peccato….

Si parte: antipasto in stalla, pizzette, patatine, voul a vant vari e aperitivo alcolico alla frutta. La bu ne beve due perché la Gio ha sbagliato, voleva l’analcolico. E qui la bu inizia a bere, da qui per tutta la sera…. si passa ora al primo: cosa può essere se non un piatto di calsù? Sono strepitosi, ancora meglio dell’anno scorso. Ne danno circa 7 a testa, enormi e ripieni fino a scoppiare.. Gio e Pepe fanno fatica a finirli, i bu (nemmeno a dirlo) non fanno fatica e dicono ad una cameriera “ben disposta” che ne sono arrivati solo 6 in un piatto, così la cucina si scusa e ne porta ancora! Il migliore della sera.. Accompagnati da vinello rosso, di cui non ricordo il nome (magari cerco la foto più tardi e aggiorno la notizia..) Bene, si deve a questo punto, tra i vicoletti di Vione, assaporare un sorbetto creato con un amaro locale: CREMA NOREAS. ottimo. Così si passa alla polenta rustida.. noi l’abbiamo presa con salumi e formaggio, altri hanno preferito polenta latte e zucchero (non mi ispira ma prima o poi mi faccio coraggio e la lecco). Si prende il piattone di polenta e ci si reca in un’altra stalla, di una signora preoccupata per il muretto su cui i bambini si siedono e rischiano una caduta dall’alto di 8 metri.. Qui troviamo vino bianco e nero in caraffa, la micky non si fa mancare nemmeno quello! Non può a questo punto mancare la torta.. Sbrisolona del posto, vicino ad una vecchia chiesetta da ristrutturare. Qui il vino non è stato gradevole, invece che dolce era amaro e alla bu non è piaciuto molto. Però si è mangiata due fette di torta, per recuperare. Un buon caffé (corretto) e un cioccolatino per terminare in bellezza con un amaro del posto (lo stesso del sorbetto), una delizia al palato… Ah! Non posso dimenticar di dire che al termine di questo percorso ad ostacoli ci hanno anche regalato un gadget! Un mattarello con il disegno di un maialino… chissà perché??

Beh, concludo dicendo che la faccia della micky al termine della sera parla! Però regge bene, vino e cibo.. Il bu di notte è andato di Geffer, lei nemmeno l’ombra! Che chamlee..

 

Pubblicato in montagna | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Sagra dei Calsù

Agriturismo Cortebona

17 Agosto 2011

Dopo le numerose passeggiate di questa estate, che hanno portato la micky a “drogarsi” con Energy1 – ripresa dopo 1 ora di intesa attività fisica, i bu decidono in tarda mattinata di recarsi all’agriturismo sopra Cané. Il libro delle passeggiate dice che si tratta di un itinerario Turistico (significa anche per gente di città..), quindi partono verso le 12 meno un quarto per questa meta. Dopo poco si accorgono di dover affrontare anche stavolta una salita irta e scoscesa, però il bu comincia a sentire la fame quindi non cede e riesce a trascinare fino là anche ortone.. Si arriva praticamente in alto alla Val di Cané, dove si trova la casa del parco e una grande e confortevole area pic nic. Noi proseguiamo verso l’agriturismo e speriamo che ci sia posto, perché trattandosi di un semplice mercoledì mattina pensavamo di non trovare nessuno, invece c’è così tanta gente da preoccuparsi.. Comunque si entra e ci si trova in un ristorantino accogliente, con tovagliette tipiche di montagna, quelle pesanti per intenderci. Logico che dopo le passeggiate dei giorni scorsi si debba ordinare un po’ di cibo, quindi si parte dagli antipasti (molto buoni direi) che comprendono un salame normale, della pancetta ottima e un prosciutto che sembra quasi speck (magari lo era anche!). Per il primo si opta per i gnoc de la cùa, qui cucinati strani, nel senso che sono al burro + pomodoro + speck. Fin qui tutto ok, anche “leggero” dicono i bu. Poi si fanno tentare dai secondi e ordinano polenta con cervo e polenta con formaggio fuso. A questo punto fondono anche loro.. Così per “digerire” prendono anche la torta (cioccolato e pere lei, torta alle mele e crostata con frutti di bosco lui) accompagnate da caffé e grappino achillea.-

Cosa aggiungere? Una dormita su un sasso di un’oretta per riuscire a camminare nuovamente e una bellissima discesa da Saline. Esperienza, logicamente, da ripetere. Magari di sera!

Pubblicato in montagna | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Agriturismo Cortebona

Rifugio Saverio Occhi

16 Agosto 2011

Giorno successivo a Ferragosto. Ovvio che si debba smaltire la mangiata di ieri, quindi si decide di fare una piccola e corta passeggiata da Vezza d’Oglio in Val Grande….

Dunque… si arriva a Grano e si parte per il rifugio Occhi..

Tempo previsto d’arrivo: 3 ore e un quarto…….

Bene: si parte dal parcheggio e si sale, poi si sale, poi si sale nuovamente. Si passa da un paesaggio di larici ad un paesaggio di baite in mezzo alla montagna, si arriva ad una baita/agriturismo con un profumino speciale e, logicamente, lo si oltrepassa perché il nostro obiettivo è ben oltre.. Si arriva ad una chiesetta, carina ma ancora lontana dal nostro bivacco alpino! Poi si passa ad un paesaggio diverso, senza più né larici né cespugli: praticamente sotto il sole (à sgiacon dal sù). E si prosegue.. vicino ad un torrente incontriamo un signore che si fa tirare da un cagnolone nero (un terranova) che tira così tanto che si getta nel torrente e trascina il padrone quasi dentro! Poi incrociamo un lessy (non so se si scriva così ma non fa nulla) così morbido da sembrare cotone! Praticamente tutte scuse della micky per tirare il fiato! Basti pensare che ogni rovo è il suo per smangiucchiare un piccolo lampone e riposare un attimino.. Il percorso è bellissimo, però si deve salire di circa 800 metri di altitudine in circa 3 ore. La micky arriva in alto quasi in ginocchio, è sgianga. Si ferma da una mucca, la accarezza e questa si gira per leccarla. Solo in questo frangente si alza di scatto e fila nel bivacco!

Sorpresa: la Gio (che le ha dato più di mezzora) è già ai fornelli e sta cucinando gli spaghetti al pomodoro! Non si può volere altro. Più di 2000 metri, circondati solo da montagne e da persone che, come noi, sono arrivate fin qui a piedi.. Un bivacco a disposizione di tutti con una semplice offerta (circa 2 euro per l’utilizzo di gas e cucina, 5 euro per la legna e per l’uso dei letti). L’esperienza è fantastica, non ho mai visto una cosa simile.. Padelle, posate, piatti.. tutti qui a disposizione di tutti, basta fare un’offerta e lavare ciò che si utilizza.. abbiamo lasciato là un po’ di the e la pasta avanzata… non pensavo esistessero posti simili….

Passano circa 6 minuti e 37 secondi dal pranzo e pulizia delle cose usate e cosa si fa? Si potrebbe riposare con tutti gli altri, fuori al sole! No? Come no? E no, siamo qui per i CERVI. Quindi via di nuovo, tra le mucche e la cacca di mucche.. in alto, tra i roccioni e le vipere, tra i cardi e la cacchina di cervo.. sempre più in alto!!!! La Gio sparisce tra i dirupi, il bu scompare salendo con la leggerezza di un fringuello, Pepe sale e mi aspetta un po’, fino a quando intravede i cervi e corre via. Praticamente la micky, ranocchia e ranocchina si fermano in mezzo al nulla, nei massi con sotto le vipere e cominciano a filmare.. I cervi sono bellissimi, solo che la micky si caga sotto e non sale di più (che scusa! non ne ha voglia perché è troppo stanca!).

Pubblicato in montagna | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Rifugio Saverio Occhi

Cà del Re

Ferragosto 2011

I bu decidono di tornare al ristorante Cà del Re dopo esserci andati il primo dell’anno! Attenzione alla prenotazione..

Pronto? Cà del Re? Salve, vorrei prenotare un tavolo per 4 persone per il 15, c’è ancora posto? Ah, bene.. Mi dice il menù cortesemente? Ah, non ha ancora deciso.. Ma circa? Ah, non lo sa. Ah, non sa nemmeno se farà un menù fisso o un menù alla carta.. Ma scusi, manca solo un giorno, quando decide? Oggi? Allora posso richiamarla, così se per caso scegliesse un menù che non mi piace posso chiederle delle variazioni? No? Ok, va bene ugualmente, ci vediamo lunedì…

Così andiamo tutti alla sperindio.. Alla fine questo chef ha optato per un menù alla carta.. ecco le scelte:

Alberto: cus cus di verdure con persico impanato + risotto mantecato alla menta fresca e gamberi di fiume nostrani + vino rosso particolare con cioccolato fondente

Michela: carpaccio di carne salada con scaglie di formaggio Vezzena + strangolapreti alla trentina con burro versato alla salvia e formaggio grana trentino + torntino di pere e cioccolato

Gio (che si è lamentata perché i piatti sono “normali”).. cus cus di verdure come il bu e strangolapreti come la bu + terrina di yogurt con frutti di bosco freschi e cubetti di ananas al maraschino (che non le è piaciuto)

Pep (che non vuole lo spumante perché picchia..).. carne salada come la bu + pappardelle caserecce con funghi porcini, pomodorini pachino e burro versato + cestino di croccante con gelato fior di latte e frutti di bosco

Vino: spumante rosé

Ai bu logicamente è piaciuto, ai gio/pep un po’ meno perché ha scelto Alberto, ma se avessero scelto loro non sarebbe piaciuto a lui (sembra casa Vianello ogni tanto!!) ma va bene così! Soprattutto perché oggi la bu non riesce nemmeno a sedersi per il dolore ai quadricipiti.. ieri è stata dura e oggi l’ha accusata… povera! Speriamo almeno che abbia perso un etto……………

———————————————————————————————————–

1/1/11

I bu hanno cenato ieri sera al ristorante San Marco a Ponte di Legno per festeggiare il capodanno ma, non soddisfatti, decidono di pranzare il primo dell’anno in un ristorantino piccino in cima a Ponte, credo a Pezzo.. Hanno mangiato benissimo, purtroppo non ricordo le loro scelte tranne un piatto di gnocchi con prugna spettacolari… il cuoco (giovanissimo) fa tutto in casa, dal pane, focaccia, dolci alla pasta fresca… è bravissimo ma a breve si trasferirà nell’altro ristorante di proprietà dello chef sul lago di Garda.. E qui? Beh, tornerà lo chef originario, pazzo scatenato stando a lui, però molto bravo e particolare!

Pubblicato in ristoranti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Cà del Re

Malga del Prisigai

14 Agosto 2011

Si parte con i trattori!!!! Si va a Villa Dalegno (frazione della bellissima Temù) e si aspettano i trattori per salire alla malga.. Pepe sale su un trattore e si fa il primo tratto in piedi con altre persone (tra l’altro maleducate che si sono gettate sul trattore come se fosse un piscina in cui tuffarsi pur di prendere il posto…) .  I 3 restanti (gio micky e bu) non vogliono salire perché quei maleducati non gli stanno molto simpatici (ma dai?) quindi attendono un altro trattore che arriva dopo circa mezzora.. Pepe nel frattempo viene scaricato a metà strada dal suo trattore perché questo deve tornare a prendere altre persone che sono rimaste a piedi come noi.. Quindi sta in piedi al sole ad aspettare i 3 ritardatari per più di un’ora.. povero… Comunque alla fine si ritrovano tutti e 4 insieme e fanno l’ultimo tragitto (ripido e non asfaltato) con un trattorino piccino che tira come un asinello! La micky ha anche filmato il tragitto, si sta male a guardarlo.. (bl bl). Alla fine si arriva a destinazione.. si apre la vallata, i larici finiscono e si arriva in un pianoro spettacolare.. tutto intorno le montagne, una giornata splendida, sole e fresco al tempo stesso… tavolino in mezzo al pianoro, si mangia panino con salamella + polenta con formaggio + crostata di marmellata… il pep invece vuole assaggiare il pasto completo che comprende anche le braciole…  Il tutto circondati da cavalli allo stato brado…

E dopo questa mangiata?? Il bu vuole andare a cercare le trincee della guerra.. lui e la bu ci arrivano dopo una ventina di minuti di camminata, però lei sta quasi male, una salita! Le trincee sono una vista particolare, fanno riflettere.. la micky non ha le gambe per proseguire, però la prossima volta andranno anche più avanti e faranno il giro a piedi della montagna, visitando man mano tutte le trincee..

Ritorno: a piedi, tanto è discesa… Ok, peccato fosse di una ripidezza mostruosa.. la micky ha le gambe, i piedi e la schiena a pezzi, sembra strano ma la discesa è stata più impegnativa della salita del giorno prima.. Si è fermata in farmacia a chiedere un rigenerante per i muscoli, è davvero a pezzi, speriamo funzioni.. La ranocchia la tiene d’occhio, vuole andare a vedere i laghetti, quindi deve per forza riprendersi!!!!! E anche qualcun altro vuole andare lassù… PL

Pubblicato in montagna | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Malga del Prisigai

Alveo del Presena

13 agosto 2011

Mamma mia….  I bu sono arrivati ieri in montagna e (siccome si sono allenati a Pavia con lunghe camminate) si sono lanciati con Gio e Pepe sulle montagne…

Sveglia alle 7.30, colazione e si parte.. destinazione Alveo del Presena..  dal commento sul libercolo delle passeggiate sembra “normale”…   Dopo circa mezzora di camminata la micky arriva ad una galleria e pensa “ci siamo quasi! bene!”… e invece no…  così si arriva ad un primo laghetto e lei pensa.. “ok, ci siamo!” e invece no… lì hanno visto e filmato una ranocchia che stava su un rametto di legno, bellissima.. però l’hanno disturbata e, logicamente, si è nascosta…  il paesaggio era davvero bello, circa un’ora e venti di camminata (ben 10 minuti prima del previsto!) ma Alberto dice.. “non sono affatto stanco, proseguiamo!”…  e così, dopo uno spuntino di torta di mele, si avviano verso il ghiacciaio….  non so se ci hanno messo un’ora o più ma non si sono fermati davanti a nulla… hanno attraversato un fiumiciattolo credo 6 volte (ortone ci è anche finita dentro!) e sono arrivati in cima tutti e 4..  i primi sono stati il bu e la gio, per fortuna il geometra ha fatto qualche pausa con la micky e l’ha “aiutata” a salire fino alla neve! Che spettacolo…

Bene, ora di pranzo! I bu tirano fuori la loro pizza acquistata da Salvetti a Temù e la divorano.. una fame… hanno anche finito durante la giornata un’intera barretta di cioccolato fondente!!!

Al rientro il bu ha imitato Bear e si è lanciato sul dirupo scosceso facendosi seguire da ortone… Lui “volava” sui massi, lei sembrava un elefante.. per attraversare il fiume ha fatto come i gatti, non ho parole!!!

In ogni caso ce l’hanno fatta.. e prima di risalire a Canè tappa a Temù, nuovamente da Salvetti.. e si sgranocchiano 4 voul a vant (pizza) appena sfornati… che si squagliavano in bocca.. e a ranocchia niente! uffa! Però ho mangiato tutto il resto, quindi va bene così! Ora dopo la doccia li ho guardati, sono due peperoni arrosto!! E cra!

Ah.. dimenticavo… sono tornati alle 18…  famosa frase di ieri della micky/ortone/chamlee… “domani mi portate a fare una passeggiatina tranquilla?”

Pubblicato in montagna | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Alveo del Presena

Riviera 45

Riproviamo: data 08/08/11

Dunque… quei due matti dei bu hanno deciso di fare un po’di esercizio fisico e, per questo, ogni lunedì vanno in giro a piedi per Pavia… fanno ormai circa 10 km (in totale tra andata e ritorno) e oggi sono arrivati fino in via Riviera.. con una fame da lupi!! Quindi fanno ginnastica e poi mangiano al ristorante… MA SI PUO’??????

Comunque… arrivano qui perché il bu (che non crede mai alla bu) sostiene che in questo posto ci sia un suo vecchio amico.. tra l’altro fratello del commercialista che abita di fronte a noi che ha circa una decina di auto e scooter… ovviamente il posto non è questo, quindi la prossima camminata si spingeranno anche oltre per cercare questo ristorante… Speriamo ne valga la pena!!

Ma.. stasera cosa hanno preso… solo due pizze, una margherita e una pizza al crudo + 2 coca zero (logico……..) +  sorbetti… pagato circa 23 euro, meno che al boccio per due panini! Ma la pizza non è un granché.. credo sia cambiata la gestione dalla prima volta che siamo stati qui, infatti il locale è migliorato un po’… ma la pizza era un po’ durina, loro sono un po’ sofistici su questo punto… Vedremo cosa combineranno prossimamente! Cra!

———————————————————————————————————–

    LUGLIO 2007

Siamo finiti qua io e il Bu per sbaglio… stavamo cercando “i sapori del mare” in via Riviera ma abbiamo trovato questo ristorante di pesce e ci siamo fermati…

Posto…. Bruttino…..    Gente simpatica…

Cibo…. Abbiamo ordinato il menu della sera a 30 € ed era abbastanza buono.. peccato che il fritto sapesse solo di aglio…

Pubblicato in ristoranti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Riviera 45

Trattoria Il Ceppo

Domenica 7 Agosto 2011

Pranzo tra i bu e Ilaria, accompagnata da Giordano

E’ da tanto che la micky e Ilaria non si vedono, così si opta per un pranzo da “poco”, così si può parlare con tranquillità senza spendere un assassinamento! Così si va a Volpara, una “collinetta” sopra Santa Maria della Versa. La zia (Mara) ha parlato da tempo di questo posto, quindi perché non provarlo??

Beh, il posto è un po’ “squallidino”: classiche sedie nere, quelle scomode, con la seduta a buchini piccoli e lo schienale a forma di cancellata.. così se hai i calzoni corti ti alzi con i tatuaggi sulle gambe.. e la schiena dolorante come dopo un massaggio shiatzu (senza i relativi effetti benefici, però!)..

Comunque, tralasciando i particolari dell’arredo, passiamo al cibario: il cibo è standard per la zona dell’Oltrepò, si va dai salumi ai brasati.. Gli antipasti di salumi misti mi hanno colpita soprattutto (anzi solamente) per la pancetta, era burro in bocca.. insieme a questo è arrivato un mix di verdure strane, tipo una caponata di verdure aglio e prezzemolo e un insieme strano di cannellini e nervetti.. io sono un po’ sofisticata (nel senso che mangio poco..) e non ho assaggiato queste prelibatezze.. 😉   Come primi sono arrivati due assaggini (proprio ini) di ravioli, sia di brasato sia di magro. Buoni, però troppo cotti!  E arriviamo ai secondi! Qui hanno portato il mondo.. brasato, vitello tonnato, roast beef, lonza con cipolle e pomodori..   E per dolce abbiamo scelto crostate di vari tipi, ricordo la scelta di Ilaria (crostata agli amaretti.. la faceva sempre la nonna Franca)..

Commento ranocchia: devo dire che il posto è quello che è, senza nulla togliere ai proprietari che con noi sono stati gentilissimi.. il cibo, ripeto, è classico, però se dovessi scegliere di tornare in un posticino dove si spende circa 25 euro a testa non tornerei qui.. devo dire peccato, lo nominano tutti e forse è per questo che mi aspettavo qualcosa di più!

Pubblicato in ristoranti | Contrassegnato , , | Commenti disabilitati su Trattoria Il Ceppo